CONTATTI

PALAZZO
COME ARRIVARE
       
   
               
         
               
           
               

IL PALAZZO

Il Palazzo Servanzi, s’affaccia su Piazza del Popolo, una volta Piazza Vittorio Emanuele, insieme ad altre nobili residenze rinascimentali al centro di San Severino.
La facciata del palazzo presenta al piano terra un apparato isodomico e, nella parte superiore, un sistema di lesene con capitelli corinzi. Le finestre del primo piano, oggi in parte tamponate, sono incorniciate da piastrini corinzi su cui si imposta la trabeazione ad arco. A coronamento è un fregio modanato su cui corre l’iscrizione latina che celebra il promotore del palazzo - il giurista e ambasciatore Anton Jacobo Franchi dei conti della Truschia - e ne ricorda la data di costruzione, il 1539.

 

LA RACCOLTA SERVANZI COLLIO

La raccolta del conte Severino Servanzi Collio (1796-1891), frutto della sua passione per l’archeologia e l’arte, si compone di 149 reperti. Si presenta vasta ed eterogenea; accoglie oggetti di arte sacra, stemmi, ma soprattutto reperti archeologici di età romana, molti dei quali provenienti verosimilmente dall’area dell’antica Septempeda. La raccolta fa parte della collezione privata del proprietario ed è visibile su richiesta.